GISULFO PRINCIPE DEI GIUDEI DELLA SCUOLA MEDICA SALERNITANA

24,00


Copertina posteriore
Categoria:

Nel 1089, dopo anni di lotte interne, i due si accordarono con la spartizione dei territori cosicché a Boemondo venne affidato l’antico Bruzio, in quanto il grande feudo che comprendeva, fra gli altri, Taranto, Matera, Montepeloso e Torre di Mare o Santa Trinità (l’antica Metaponto).
Nel settembre del 1089 Urbano II convocava un nuovo Concilio a Melfi nel quale i baroni furono indotti a firmare la tregua di Dio per assicurare un pò di pace alle popolazioni locali stremate dalle guerre.
Un sinodo in cui si videro tutti i Comes della Contea Sicilia di Apulia, Calabria e Bruzio, e della Provincia, ma anche il Duca Ruggiero, al fine di azzerare gli scontri e di redigere uno statuto scritto, un impegno che anticipava il giuramento solenne che ricordava la Santa Trevia, la Ecate, l’anziana Dea delle fanciulle madri, a simboleggiare la Santa Tregua dei Normanni.

Description

Queste ricerche sono il frutto di anni di lavoro, un percorso che non ha un inizio ed una fine, ma segue e rincorre il revisionismo storico. E’ un diverso metodo di conoscenza che si avvale di fonti quasi esclusivamente basate su codici diplomatici, documenti, cronache e poemi coevi, senza interpolazioni, né sugli anni, né coi nomi. E’ la rilettura dei documenti sotto un’altra veste, per quanto possibile. La tecnica utilizzata è quella di smontare ai minimi termini tutti i fatti ricavati da una miriade di pergamene e di rimontarli in base alla uguaglianza dei toponimi, evitando manomissioni e riducendo gli errori di omonimia.
Il lettore potrà quindi essere in disaccordo su alcuni concetti o sulla ubicazione di taluni paesi e chiese che, di pubblicazione in pubblicazione, vanno però trovando il proprio tassello dell’esatta collocazione. Si consiglia pertanto una lettura degli avvenimenti specifici in maniera globale, in modo da avere una visione oggettiva dei luoghi di Mille anni fa, da approfondire, eventualmente, con le note. Lo spirito del lavoro è dettato dal solo tentativo di ricostruire i momenti di massima gloria vissuti su una Costa che non ha eguali al mondo, perché, il mondo conosciuto dell’Universo di Enea, da essa ebbe origine.
Benvenuti nell’Actum del mito eterno della Domus Dei che vide lo splendore ripartendo dalla Civitate Regina del Principato Taurentur di Minori, dove fu rifondata la Longobardia Meridionale.

Dettagli

EAN

9788898817320

ISBN

8898817320

Pagine

112

Autore

Bascetta

Editore

ABE Napoli

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Only logged in customers who have purchased this product may leave a review.