Arracuntm

10,00


Copertina posteriore

UNA POETESSA BENEVENTANA

Grazia Luongo (in arte Razi) nasce a Benevento, il 1° luglio 1972, le sue radici hanno origini campane , (da padre Irpino e madre di origini partenopee), ma ha vissuto sempre nella sua amata Benevento.
L’autrice, autodidatta, si definisce una “artista poliedrica”, passa dalla poesia, alla pittura, dal teatro all’amore per il sociale. Il teatro è: teatro della Vita perché come lei stessa dice “le piace mettersi in discussione con se stessa” .
La sua passione per la poesia ereditata da suo padre, Pellegrino, si è nel tempo radicata spingendola a perfezionare quest’arte.
Ha partecipato in varie mostre collettive di pittura, tra le quali:
– Premio Callisto 2009, palazzo Paolo V, galleria Bosco- Biblioteca provinciale BN.
– Traiano Arte, rassegna “Quattro notti e più di luna piena” 2000 BN.
– L’Arte di noi, Rocca dei Rettori, 2018, BN
– Desiderio e Sensibilità oltre le differenze, Rocca dei Rettori 2018, BN
Amatissima dai Beneventani, alla presentazione c’erano centinaia di lettori, accorsi a Palazzo Paolo V di Benevento.

Description

UNA POESIA MODERNA, SPECIALE, GIOVANE

Scrive Luisa Leone che la pubblicazione di questa raccolta di poesie era presente da tempo nell’animo dell’autrice. L’idea si è concretizzata grazie all’incontro con persone che hanno da sempre creduto e stimato Grazia come artista poliedrica e dallo spirito libero, che niente e nessuno hanno mai rinchiuso in schemi precostituiti. Un sogno che si avvera! Un desiderio che diventa realtà? Il pamplet, dal titolo Arracuntm (raccontami), è dunque una raccolta di alcune delle tante poesie scritte negli anni in dialetto beneventano nudo e crudo. La ‘inusuale’ forma della lingua dialettale utilizzata dà luce ai testi suscitando forti emozioni nel lettore. In tale forma, nei versi di Grazia, traspare il profondo senso di appartenenza alla famiglia, al quartiere, alla città. Le 44 poesie di Arracuntm sono state scritte con un originale guizzo emotivo che l’autrice coglie – per via del suo estro – nella realtà che la circonda. Spesso sono stata testimone di queste scene che sembrano affreschi nati dopo la visione di un tramonto, di un paesaggio di una montagna. Ed ecco Grazia mettersi all’opera al rientro a casa per poi rivederla postare qua e là su internet: “U tramont”; “A Terr”; “A durmienta”. Sono le poesie che troverete in questa raccolta. Ogni verso è l’espressione di un vissuto emotivo forte che ella “sente”, “intuisce”, raccoglie come spunto per vivere pienamente quell’emozione, che le permette di buttare giù versi grazie ai quali chi legge “raccoglie” e rivive quella emozione e la fa sua. Il ricordo della madre, di suo padre, o di un amico scomparso sono alcune delle fonti ispiratrici.

Dettagli

EAN

9788872970133

ISBN

887297013X

Pagine

96

Autore

Luongo

Editore

ABE Napoli

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “Arracuntm”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editorial Review

UNA RACCOLTA IN DIALETTO NUDO E CRUDO

 

La pubblicazione di questa raccolta di poesie era presente da tempo nell’animo dell’autrice.
L’idea si è concretizzata grazie all’incontro con persone che hanno da sempre creduto e stimato Grazia come artista poliedrica e dallo spirito libero, che niente e nessuno hanno mai rinchiuso in schemi precostituiti.
Un sogno che si avvera! Un desiderio che diventa realtà?
Il pamplet, dal titolo Arracuntm (raccontami), è dunque una raccolta di alcune delle tante poesie scritte negli anni in dialetto beneventano nudo e crudo. La ‘inusuale’ forma della lingua dialettale utilizzata dà luce ai testi suscitando forti emozioni nel lettore.
In tale forma, nei versi di Grazia, traspare il profondo senso di appartenenza alla famiglia, al quartiere, alla città.
Le 44 poesie di Arracuntm sono state scritte con un originale guizzo emotivo che l’autrice coglie - per via del suo estro - nella realtà che la circonda.
Spesso sono stata testimone di queste scene che sembrano affreschi nati dopo la visione di un tramonto, di un paesaggio di una montagna.
Ed ecco Grazia mettersi all’opera al rientro a casa per poi rivederla postare qua e là su internet: “U tramont”; “A Terr”; “A durmienta”. Sono le poesie che troverete in questa raccolta.
Ogni verso è l’espressione di un vissuto emotivo forte che ella “sente”, “intuisce”, raccoglie come spunto per vivere pienamente quell’emozione, che le permette di buttare giù versi grazie ai quali chi legge “raccoglie” e rivive quella emozione e la fa sua.
Il ricordo della madre, di suo padre, o di un amico scomparso sono fonti ispiratrici delle sue poesie che con estrema maestrìa lasciano nel cuore del lettore un senso di calore, di amore verso le persone, verso la natura e perfino verso gli animali, come nella poesia “U can” (il cane).
Leggere questi versi ha lasciato in me il desiderio forte di riconoscere nella vita di tutti giorni cosa ci può essere dietro un’emozione e come fare per continuare a sentirla, ogni volta, magari la sera, quando torni a casa e hai voglia di sentire solo chi ti ascolta.

Luisa Leone