03. Santa Maria Capua Vetere nel 1754 (1 parte senza San Pietro in Corpo)

30,00


INDICE PER NOME dei Capifamiglia delle famiglie sviluppate nel libro su Santa Maria Capua Vetere (ex Santa Maria Major)

Lettera A
1. Il bracciante Agostino di Nardo, Mad. delle Grazie…………14
2. Il bracciante Agostino d’Amore…………………………………..26
3. Il Patrizio Cap.Agostino Cipullo, Piazza del Riccio……1377.24
4. Il custode di capre Agostino Argenzio…………………………..12
5. Il servitore Aniello d’Amore………………………………………..12
6. Il trainiero Aniello Comparone…………………………………….22
7. Il macellaro Aniello Cervone………………………………………..18
8. Il sartore Aniello Fusco, Piazza del Mercato…………………..32
9. Il negoziante Aniello Ferrajolo, Pubblica Piazza………213.20
10. Il saponaro Aniello di Marco, all’Ospedale…………………12
11. Il vetraro Aniello di Luca………………………………………….18
12. Il menatore de’ bovi Aniello Tuosto, Vinella delli Musti………12
13. L’inabile Aniello Papa, Piazza di Casalnuovo………………..
14. Il bracciale Aniello Picardi……………………………………….12
15. Il lavorante Aniello Papale, Piazza del Riccio……………….6
16. Il venditore di vino Aniello Tagliacuozzo……………………….12
17. Il candelaro Aniello Salzano, Pubblica Piazza………………32
18. Il ferraro Andrea [Illeggibile], Piazza del Mercato…………12
19. Il sartore Andrea Aijdinfeld, Piazza del Riccio………………20
20. Il vaticale Andrea Cappabianca, Piazza delli Chincari….25
21. Il bracciale Andrea Berarduccio, Piazza dell’Olmo……..12
22. Il massaro Andrea Cantiello………………………………….42.10
23. Il mastro sartore Andrea Cantiello, Piazza di S.Lorenzo…14
24. L’inabile Andrea Corvo, Piazza di S.Erasmo………………..43
25. Il pett. di canapa Andrea Iadicicco, Piazza delli Chincari…51.6
26. Il conduttore di form. Andrea Libertino,Piazza di Casalnuovo…12
27. Il capraro Andrea Cocchiara, Piazza dell’Olmo…………….12
28. Il facchino Andrea dello Gatto……………………………………14
29. Il macellaro Andrea di Iuorio, Piazza di S.Lorenzo………..12
30. Il negoz.di coiraro, Andrea Matarazzo. P. del Mercato…976.20
31. Il cupellaro Andrea di Lello……………………………………….24
32. Il bracciale Andrea di Nardo, Madonna delle Grazie……26
33. L’alguzzino Andrea Piemonte, Piazza del Riccio…………..12
34. Il servitore Andrea Pezzella……………………………………….12
35. Il negoziante Andrea Pirolo, Piazza del Mercato……….188.22
36. Il bracciale Andrea Russo, Piazza della Chiesa…………….18
37. Il manipolo Andrea Ricco, Piazza dell’Olmo………………..24
38. Vive del suo Andrea Vastano, Piazza di Casalnuovo…..149.22
39. Il bracciale Andrea Schettino, Piazza di S.Erasmo…………32
40. Il magnifico Andrea Vetta……………………………..636.7 e 1/2
41. Il bracciale Angelo di Bello…………………………………………12
42. Il ferraro Angelo di Battista………………………………………..94
43. Il bottegaro Angelo Cepullo, Piazza di S.Erasmo………….18
44. Il macellaro Angelo Cervone, Piazza di Casalnuovo………42
45. Il bracciale Angelo Foti…………………………………………….18
46. Il bracciale Angelo Di Criscio, Piazza dell’Olmo…………..16
47. Il bracciale Angelo di Gennaro…………………………………..18
48. Il venditore di vino Angelo Tuorli, Piazza del Riccio………12
49. Il venditore di formaggi Angelo di Luglio……………………..14
50. Il galessiero Angelo Malatesta………………………………….25.10
51. Il coiraro Angelo Martuccio, Piazza dell’Olmo………….66.20
52. L’ammolatore Angelo di Nardo………………………………….12
53. Il coiraro Angelo Musto……………………………………………24
54. Il bracciale Angelo Pepe, Piazza di S.Erasmo……………..13.20
55. Il galessiero Angelo d’Orta……………………………………….12
56. Il bracciale Angelo Raguzzino, Pubblica Piazza……………12
57. Il trajniero Angelo Pimpinella…………………………………….22
58. Il bracciale Angelo Russo, Piazza della Chiesa….52.24 e 2/3
59. Il servitore Angelo Soldato…………………………………………12
60. Il bracciale Angelo Santoro, Piazza delli Chincari………….12
61. Il giardiniere Angelo Viggiano, Piazza di S.Erasmo………..43
62. L’inabile Angelo Della Valle……………………………………….18
63. Il serv. alla Corte, Antonio Antonuccio, Pubblica Piazza…12
64. L’inabile Antonio Aveta…………………………………………..5.15
65. Il rammaro Antonio Appierto, Piazza di Casalnuovo……27.10
66. Il Patr. C. Antonio del Balzo, P.d. Concezzione…2409.19 e 1/6
67. Il mastro sartore Antonio Aulicino, Piazza del Riccio……22
68. Il bracciale Antonio Busico, Piazza della Chiesa………….40
69. Il facchino Antonio di Biase……………………………………….18
70. L’agrimensore Antonio Cantiello……………………………….16
71. Il servo alla Corte della Bagliva, Antonio Cajro………………….
72. Il bracciale Antonio Capuano, Piazza del Riccio……………12
73. Il portiere del Carmine Antonio Capuano…………………….24
74. Vive del suo Antonio Cipullo, Piazza dell’Olmo….84.2 e 1/2
75. Il bracciale Antonio Ciaramiello, Piazza della Croce……..12
76. Il negoziante Antonio Costa, Piazza di San Lorenzo…………
77. Il coiraro Antonio Cocchiara, Piazza di Casalnuovo……….12
78. Il bracciale Antonio delle Femine……………………………….12
79. Il facchino Antonio Esposito, Piazza del Riccio……………..12
80. Il pizzicarolo Antonio Fuccia, Pubblica Piazza…………….15.2
81. Il lavorante scarparo Antonio Ferraro………………………….12
82. Il trajniere Antonio Gagliardo……………………………………22
83. Lo stroppio Antonio Funaro………………………………………….
84. Il bracciale Antonio Girardo………………………………………16
85. Il cust.di pecore Antonio di Gennaro, Piazza dell’Olmo….24
86. Il tavernaro Antonio Iugliano, Piazza del Mercato…………12
87. Il cust. di anim.Antonio Graziano,Vinella di Ant. lo funaro…13.20
88. Il vetraro Antonio Majello, Pubblica Piazza………………….12
89. L’eremita Antonio Leggiero, Piazza di San Lorenzo…………6
90. Il lav. maniscalco Antonio Massaro, Piazza di S.Lorenzo…12
91. Il lav. scarparo Antonio Martuccio, Strada di S.Erasmo…12
92. L’inabile Antonio di Mase……………………………39.12 e 1/2
93. Il corriero Antonio di Malio……………………………………….14
94. Il Servidore Antonio Massimo…………………………………….12
95. Il ferraglio Antonio di Monaco, Piazza dell’Olmo…………..18
96. Il mastro fabbric. Antonio della Monica, Piazza di S.Erasmo…12
97. Il saponaro Antonio Napolitano………………………………….12
98. Il bracciale Antonio Mundo, Piazza di S.Erasmo………..37.2
99. Il facchino Antonio di Nicola…………………………………….12
100. Il lav. di cojraro Antonio di Bernardo, Piazza dell’Olmo…12
102. Il negoziante Antonio Palmieri………………………………177.10
103. Il ciavattino Antonio d’Orta, Piazza dell’Olmo…………….12
104. Il bracciale Antonio Papale, Piazza di S.Erasmo………….12
105. Il bracciale Antonio Pezzella, Piazza di S.Erasmo………..12
106. Il mastro falegname Antonio Pella, Piazza del Riccio……22
107. Il facchino Antonio Raguccio……………………………………12
108. Il barbiere Antonio Raguzzino…………………………………..12
109. Il massaro Antonio Pascale………………………..351.20 e 1/2
110. Il mastro fà legn. Antonio Ravone, Piazza del Mercato…16
111. Il vaticale Antonio Reale, Piazza di Casalnuovo………….30
112. Il bracciale Antonio di Rauso…………………………………..24
113. Il funaro Antonio Di Rienzo, Piazza di Casalnuovo………18
114. Il viandante Antonio Rendena…………………………………..12
115. Il ciavattino Antonio Niespolo, Piazza del Riccio…………12
116. Il negoziante Antonio Ricco, Piazza della Chiesa…………56
117. Il chincaro Antonio Russo, Piazza di Casalnuovo………..12
118. Il lavorante rammaro Antonio Romano………………………12
119. Il trajniere Antonio Russo, Piazza della Chiesa…63.27 e 1/2
120. Il manipolo Antonio Sabbatino………………………………….12
121. Il questuante per San Lazzaro Antonio Santillo…………….12
122. Il dottore fisico Antonio Salzano, Pubblica Piazza…………23
123. Il maestro sellaro Antonio Stellato…………………………….14
124. Il bracciale Antonio Sergio, Ospizio di S.Michele…………12
125. Il bracciale Antonio Talente……………………………………..14
126. Il bracciale Antonio Talente, Piazza di Casalnuovo………12
127. Il mastro fabbric. Antonio Tuosto, Piazza di S.Erasmo…20
128. Il fruttajolo Antonio della Tassa, Piazza di S.Erasmo…..32
129. Il mast. fabbric. Antonio Tramunto, Piazza di S.Erasmo…12
130. Il cojraro Antonio della Valle, Piazza del Riccio………….64
131. Il manipolo Antonio Vastano………………………………………12
132. Il bracciale Antonio Valletta, Piazza di S.Erasmo…………28
133. Il venditore di vino Antonio Vigliano………………………….12
134. L’armiggero Antonio di Vietri, Piazza della Chiesa……..18
135. L’assistente di Sua Maestà Antonio Zaccaria………………..6
136. Il bracciale Antonio Viggiano……………………………………..12
137. Il barrocchiale Arcangelo Ricco, Piazza di S.Erasmo…..48
138. Il mastro sartore Arcangelo Aveta, Piazza della Croce…14
139. Il chincaro Arcangelo Rossetta………………………………….24
140. Il lavorante di barbiero Arcangelo Russo……….14.27 e 1/2
142. L’alguzzino Antonio Cipriano……………………………………12
143. Vive del suo Agostino Antinolfi, L. d. La Piazza…342.2 e 1/2
144. Il mass. Agostino Baldassarre, P.d.Croce L. All’Arco…59.20
145. Il giardiniero Agostino Ascione………………………………..30
146. Il fonaro Agostino di Fratta, Piazza del Mercato…………..14
147. Il cocchiero Agostino Iannotta…………………………………..12
148. Il pagliarolo Agostino Galluccio, Piazza del Mercato…….16
149. Il bracciale Agostino Niespolo………………………………….178
150. Il bracciale Agostino Pascale, Piazza S.Erasmo……………12
151. Il fruttaiolo Agostino Rauccio, Pubblica Piazza……………14
152. Il bracciale Agostino Pascale……………………………………12
153. Il bracciale Agostino Scala, Piazza S.Erasmo……………..12
154. Il facchino Agostino Silvestro…………………………………..42
155. Il campese Agostino Viggiano………………………98.18 e 3/4
156. Il bracciale Agostino Tavaro………………………………….13.20
157. Il bracciale Alessandro D’Alesio……………………………….20
158. Il mandese Agostino Zito, Piazza della Croce………………28
159. Il trainiero Alessandro Barrile, P.za di Casalnuovo..27.7 e 1/2
160. Il bracciale Alessandro Capograsso, Piazza della Croce…12
161. Il lav. cojraro Alessandro Bizzozzaro, Piazza del Riccio…12
162. Il merciaro Alessandro Davigo, Pubblica Piazza……..19.10
163. Il lavorante scarparo Alessandro Commune……………….12
164. Il lav.cojraro Alessandro d’Elia, Piazza di S.Erasmo…41.15
165. Il negoz. Alessandro Fiordellise, Piazza del Mercato…77.10
166. L’inabile Alessandro Falcone, Piazza del Mercato…82.20
167. Il barbero Alessandro Fiordellise, P.za del Mercato…72.9 e 1/2
168. Il pettinatore di canape Alessandro Toccia…………………….12
169. Il cupellaro Alessandro Papa, Piazza S.Erasmo…..28.7 e 1/2
170. Il bracciale Alessandro Orlando, Piazza dell’Olmo……….12
171. Il bracciale Alessandro Papale, Piazza S.Erasmo………….30
172. Il bracciale Alessandro di Rienzo, P.za di Casalnuovo…12
173. Il bracciale Alessandro Pezzella………………………………..12
174. Il bracciale Alessandro Russo, Piazza di Casalnuovo……14
175. Il bracciale Alessandro Toscione………………………………12
176. Il m. barbiero Alesio Aulicino, Piazza del Mercato………36
177. Il bracciale Alesandro Spezzafierro…………………………….12
178. Il pisciavendolo Alesio Foggia, Piazza di Casalnuovo…….24
179. Il neg.di cojraro Alesio Signore, P.za dell’Olmo…3183.12 e 1/2
180. Il facchino Alesio Porciello, Piazza della Chiesa…………..12
181. Il merc.di panni Alesio del Vecchio, P.za del Riccio…563.0 e 1/2
182. Il mastro ferraro Alfonso Bonpano, Piazza della Croce….14
183. Il bracciale Alojse Antonio Cimmino…………………………19
184. Vive del suo Annibale Ciccarelli, P. dell’Olmo…3712.17 e 3/4
185. Il bracciale Anastasio Viggiano, Piazza di Casalnuovo…12

Lettera B
1. Il cojraro Baldassarre Bizzozzaro…………………………………12
2. Lo scud. fiscale alla Regia Corte, Baldassarre Fratta……….16
3. Il cappellaro Baldassarre della Cava, P. di Casalnuovo……12
4. Il mastro calzolaio Baldassarre Signore……………………..43.15
5. Il facchino Bartolomeo Dattilo, Alla Caprareccia………………12
6. Il capraro Baldassarre della Valle………………………………..40.4
7. Il servitore Bartolomeo Gagliardo, Piazza di Casalnuovo…12
8. Il bracciale Bartolomeo Cerullo, Pubblica Piazza…………….36
9. Il bracciale Bartolomeo Nacca, Piazza della Chiesa………….12
10. Il nobil vivente Bartolomeo di Mase, Piazza di Casalnuovo….
11. Il merc. de panni Bartolomeo Paolella, P.ca Piazza…3124.18 e 1/3
12. Il bracciale Bartolomeo Orlando………………………………….28
13. Il maestro rammaro Bartolomeo Pascale…………………..34.20
14. Il lavorante cojraro Bartolomeo Palomba…………………….24
15. Il m. ferraro Bartolomeo della Rocca, Piazza del Riccio…22.10
16. Il bracc. Bartolomeo Raguzzino, Piazza della Chiesa……….12
17. Il cafettiero Basilio Contadis, Pubblica Piazza……………….16
18. Il galessiero Bartolomeo Zacchia……………………………….12
19. Il parrella Benedetto Marseglia, Piazza del Riccio………..12
20. Il ciabbattino Benedetto Mambro…………………………………12
21. Il bracciale Berardino Cappabianca, Piazza del Riccio……12
22. Il bottaro Berardino Carrese, Pubblica Piazza……………….24
23. Il bracciale Biaso Esposito………………………………………..12
24. Il bracciale Biase d’Argenzio……………………………………..14
25. Il lavorante scarparo Biase Mazzarella………………………..12
26. Il lavorante barbiero Biase di Luglio, Piazza di S.Lorenzo…18
27. Il bracciale Biase Mundo…………………………………………..14
28. L’inabile vive elemosindando Biase Monte……………………..
29. Il saponaro Biase Pisacano, Piazza del Riccio……………….21
30. Il bracciale Biase d’Oria, Piazza delli Chincari…………….24
31. Il serv.della Regia Corte Bofanio Gravante, P. S.Lorenzo…12
32. Il bracciale Biase Talente, Piazza di Casalnuovo……………14
33. Il negoziante,Bonaventura Fiorillo, P. delli Chincari…254.15
34. Il neg. di sale Bonaventura Laurenza, P.za dell’Olmo…545.25
35. Il bracciale Bonaventura Grilletta, Piazza del Riccio……..18

Lettera C
1.Il bracciale Camillo Capone, Piazza della Chiesa………………12
2. Il ciavattino Carlo Bavota, Piazza di S.Erasmo………………..12
3. Il macellaro Carlo Addonisio, Pubblica Piazza………………….12
4. Il chincaro Carlo Carcasio, Luogo di S.Sebastiano…………….28
5. L’inabile Carlo Borghese, Piazza del Mercato………………………
6. Il bracciale Carlo Cecere, Piazza della Croce……………………12
7. Il venditore di vini Carlo di Carlo, Piazza di S.Erasmo………..12
8. Il custode di capre Carlo Crestillo……………………………….14.20
9. Il bracciale Carlo Capitella, Piazza di Casalnuovo…………….24
10. Il trajniero Carlo d’Errico, Piazza S.Erasmo………27.7 e 1/2
11. Il servitore Carlo Durante, Piazza di Casalnuovo…………..12
12. L’agrimenzore Carlo Frangione, P. del Mercato…..217.6 e 1/2
13. Il bracciale Carlo Gallina, Piazza del Riccio……………….60.20
14. Il mastro barbiero Carlo Masiello, Piazza S.Erasmo………..14
15. Il merciaro Carlo Iannetti, Vinella delli Villani……………..27.10
16. Il bracciale Carlo di Monaco, Luogo detto La Torre…….13.20
17. Il mastro calzolaio Carlo Majello, Piazza della Croce………18
18. Il lavorante cojraro Carlo Pascale, Piazza del Mercato…….12
19. Il barrocchiale Carlo di Natale, Piazza del Riccio……………18
20. Il massaro Carlo Pecoriello, Piazza della Chiesa………314.20
21. Il bracciale Carlo Pasquariello, Piazza Riccio………………..30
22. Il telajuolo Carlo Raguccio, Piazza della Croce…………….100
23. Il vaticale Carlo Reale, Piazza di Casalnuovo………………..19
24. Il tavernaro Carlo Russo, Piazza di S.Lorenzo……………….12
25. L’arm. della R.C. di Capua Carlo Rossetti, P. della Chiesa…12
26. Il garzone Carlo Santoro, Piazza della Chiesa…………………24
27. Il telajolo Carlo Russo………………………………………………12
28. Il mastro scarparo Carlo Tramunto, Piazza S.Erasmo………26
29. L’ inabile Carlo Stellato, Piazza di Casalnuovo……………………
30. Il parrella Carlo Trojse, Piazza del Riccio………………………12
31. Il magnifico Carlo Vastano, Piazza della Croce…………..52.20
32. Il servitore Carlo Vitagliano…………………………………………12
33. Il trajniero Carmine Benincasa, Piazza della Chiesa……….16
34. Il vend. di sale Carl’Antonio di Rienzo, P.za della Croce…12
35. Il bracciale Carmine Cicale, Piazza di Casalnuovo………….12
36. L’armizzero Carmine Ciparano……………………………………..12
37. Il servidore Carmine Lopr, Piazza della Chiesa……………….12
38. Il bracciale Carmine Crescenzo, Piazza della Croce………..12
39. Il bracciale Carmine Martuccio…………………………………….12
40. Il giardiniere Carmine di Majo, Piazza dell’Olmo…………….12
41. Il bracciale Carmine Morelli…………………………………………12
42. Il galessiero Carmine di Matteo, Piazza della Croce…………12
43. Il bracciale Carmine delli Paoli, Piazza di S.Erasmo…………12
44. Il bracciale Carmine Papale, Piazza del Riccio………………..12
45. L’agrimenzore Cesare Funiciello, Piazza di Casalnuovo…..12
46. Il galassiero Carmine Raguccio, Piazza del Riccio………….12
47. Il sanzaro Cesare Sagliano, Piazza di Casalnuovo………….16
48. Il servitore Cesare Trepiccione, Piazza del Mercato…………30
49. Il mastro calzolaio Cesare Tuosto, Piazza di S.Erasmo……..38
50. L’inabile Cesare Ventriglia………………………………………..24
51. Il lavorante cojraro Cesare Della Valle, Piazza del Riccio…12
52. Il crapettaro Crescenzo Addonisio, Piazza di Casalnuovo…24
53. Il lavorante sartore Claudio Salzillo, Piazza di S.Lorenzo….30
54. Il cameriere Crescenzo Avenia, Piazza della Chiesa………..12
55. Il lav. mandese Crescenzo Aulicino, Piazza di S.Lorenzo…..12
56. Il m. barbiero Crescenzo Bernardo, Piazza di Casalnuovo….16
57. Il lavorante scarparo Crescenzo Carrese………………………..12
58. Il bracc. Crescenzo Cappabianca, Piazza di S.Erasmo…16.20
59. L’affitt. di gabelle Crescenzo Cecere, Piazza di Casalnuovo….16
60. Il giardiniero Crescenzo di Cicco………………………….19.10
61. Il c. di capra Crescenzo Crestillo, Piazza di S.Erasmo….26
62. Il bracciale Crescenzo Corsale, Piazza di Casalnuovo……..30
63. Il m. carrese Crescenzo Gravina, Piazza del Mercato…….26
64. Il bracciale Crescenzo Grieco……………………………………..36
65. Il bracciale Crescenzo di Monaco, Piazza delli Chincari…..18
66. Il lav. cojraro Crescenzo di Micco, Piazza dell’Olmo…….36
67. Il bracc. Crescenzo Niespolo……………………………………..18
68. Il facchino Crescenzo di Mondo, Piazza della Croce……….24
69. Il semplicista Crescenzo d’Orta………………………………….12
70. Il giard. Crescenzo di Nuzzo, L. La Croce di P. d. Chiesa….12
71. Il lav. ferraro Crescenzo Papale, Piazza di S.Lorenzo……24
72. Il com. cojraro Crescenzo Ricciardi, P. di S.Erasmo…1973.28 e 1/2
73. Il bracciale Crescenzo Papale, Piazza di S.Erasmo……..21.10
74. Il lav. falegname Crescenzo Salzillo, Piazza del Mercato…..12
75. Il lavorante cojraro Crescenzo Rossetta, P.zza del Riccio…18
76. Il bracciale Crescenzo Stellato……………………………………..28
77.L’ortolano Crescenzo Santoro………………………………….37.20
78. Il Servidore Crescenzo Tallone, Piazza dell’Olmo……………12
79. Il Servidore Crescenzo Talente, Piazza di Casalnuovo……..12
80. Il vend. di vino Crescenzo Veneziano, Piazza della Croce….12
81. Il bracciale Crescenzo Tartaglione, Piazza di Casalnuovo…12
82. L’ortolano Crescenzo Viggiano, Piazza di S.Erasmo………..18
83. Il ciavattino Crescenzo Viola, Ospizio della Pietra Santa….12
84. Il nobil vivente Crescenzo Villo, P. di Casalnuovo…294.1 e 3/4
85. Il cafettiere Cristofaro Bellizzora………………………………….12
86. Il pett. di canape Crescenzo Zuppa, Vinella del Riccio…..18
87. Il vend. di tabacco Cristofaro Mutascio, Pubblica Piazza….12
88. Il ciavattino Cristofaro Pariglia, Piazza di Casalnuovo……..12
89. Il saponaro Cristofaro Polimeo, Luogo detto L’Ospedale….12
90. Il vend. di vino Cristofaro dello Siesto, P.zza della Chiesa…24
91. Il cappellaro Cristofaro Russo, Piazza di Casalnuovo……..12
92. Il m. barbiero Crescenzo Borrozzino, Pubblica Piazza….20

Lettera D
1. Il pettenatore di canapa Daniele Iadicicco………………………..24
2. L’orefice Diego Nufrietta, Pubblica Piazza………………………12
3. Il nobil vivente Diego Cameo…………………………597.27 e 1/2
4. Il cortellaro Diego Gatta, Pubblica Piazza……………………….12
5. Il ciavattino Diego Vastano, Piazza di S.Erasmo………………12
6. Il magn. Domenico Antinolfi, P. della Croce……2693.1 e 1/2
7. Il facchino Domenico d’Addario, Piazza di S.Lorenzo………12
8. Il lavorante cojraro Domenico Aulicino……………………………36
9. Il bracciale Domenico d’Argenzio, P.zza di S.Erasmo….16.20
10. Il servitore Domenico del Bene, Piazza dell’Olmo…………..12
11. Il bracciale Domenico Barbato, Piazza di Casalnuovo…16.20
12. Il bottegaro Domenico Bizzaro, Piazza del Riccio……..122.15
13. Il bott. Domenico Berarduccio, Piazza dell’Olmo………….14
14. Il manipolo Domenico Borrelli, Piazza del Riccio…………….24
15. Il lav. cojraro Domenico Bizzazzarro…………………………..18
16. Il servitore Domenico Camillo, Piazza della Croce…………..12
17. Il ciavatt.Domenico Borzacchiello……………………………….12
18. Il parrella Domenico Capuano, Piazza della Chiesa………..12
19. Il servitore Domenico Capuano, Piazza del Riccio……………24
20. Il bracciale Domenico Casella, Piazza di Casalnuovo………36
21. Il bracciale Domenico Casertano…………………………………12
22. Il bracciale Domenico Caruso………………………………………12
23. Il menat.de bovi Domenico Castiello……………………………..12
24. Il coiraro Domenico Centrone, Vinella del Riccio…………….12
25. Il giurato Domenico Celano…………………………………………24
26. Il macellaro Domenico Cervone, Piazza della Chiesa………30
27. Il saponaro Domenico Cerillo, Vinella del Riccio……………..12
28. Il pett. di can. Domenico della Corte, Piazza della Chiesa…92
29. Il bracciale Domenico Colucci, Piazza di Casalnuovo……..12
30. Il bracciale Domenico Falcone…………………………………….48
31. Il bracciale Domenico Esposito…………………………………….12
32. L’armizzero Domenico di Felice……………………………………12
33. Il neg. Domenico Fiorillo, P. delli Chincari…..2845.11 e 1/2
34. Lo speziale di medicina Domenico Gagliardo……………327.20
35. Il funaro Domenico di Fratta……………………………………….24
36. Il mastro sartore Domenico Gioiello, Piazza della Croce….32
37………….Domenico Di Gennaro, Piazza dell’Olmo………….12
38. Il maccaronaro Domenico Ianniello……………………………..82
39. Il servitore Domenico Grasso………………………………………30
40. Il cer. di grano Domenico di Leone, Pubblica Piazza……..36
41. Il lav. scarparo Domenico di Letizia, P.zza delli Chincari…14
42. Il bracciale Domenico Leggiero…………………………………..34
43. Il barricchiale Domenico Lionelli, P. di Casalnuovo….399.20
44. Il servitore Domenico Mangrella………………………………….12
45. Lo scarparo Domenico Di Luca, Piazza della Croce…………..
46. Lo studente Domenico Marotta, Piazza di S.Erasmo……267.5
47. Il barbiero Domenico Mazzarella, Piazza di S.Erasmo……..12
48. Il m. barbiero Domenico Martuccio, Piazza della Croce….38
49. Il lav. rammaro Domenico Merola………………………………..6
50. Il bracciale Domenico Mele………………………………………..12
51. L’inabile Domenico Mongiello, Piazza del Mercato……………
52. Il galessiero Domenico Milea………………………………….15.10
53. Il pett. di can. Domenico Moriello, P.za del Riccio…51.13 e 1/2
54. L’affittatore Domenico Moronese, Piazza dell’Olmo……..24
55. Il bracciale Domenico Mundo, Piazza di S.Erasmo……..15.20
56. Il bracc. Domenico Niespolo……………………………..33.7 e 1/2
57. Il servitore Domenico Murgolo, Piazza della Croce……….12
58. Il v. di tele orlette Domenico Niola, P.za della Chiesa…156.20
59. Il cameriero Domenico d’Orta……………………………………..12
60. Il cojraro Domenico d’Orta………………………………….52.15
61. Il bracciale Domenico Paolella, Piazza S.Erasmo……………26
62. Il bracciale Domenico delli Paoli, Piazza dell’Olmo…………12
63. Il sanzano Domenico di Palma……………………………………..12
64. Il mastro scarparo Domenico Pagliaro, Piazza del Riccio….32
65. Il bracciale Domenico Papale, Piazza di S.Erasmo…………..30
66. Il bracciale Domenico di Francesco, Piazza S.Erasmo……..20
67. Il neg. cojraro Domenico Pascale, Piazza dell’Olmo…..180
68. Il bracciale Domenico Papale……………………………………….12
69. Il fatigatore Domenico Parise, Strada di S.Erasmo…………..75
70. Il m. ferr. Domenico Peccerillo, Piazza del Mercato…………….38
71. Il custode di animali Domenico Persiano………………………..12
72. Il giardiniere Domenico Pepe, Piazza di S.Erasmo………19.10
73. Il servitore Domenico Pezzella……………………………………..12
74. Il bracciale Domenico Pezzella……………………………………23
75. Il manipolo Domenico Quagliero………………………………….24
76. Il bracciale Domenico Pezzella…………………………………….22
77. Il lavoratore cojraro Domenico Ricciardo………………………12
78. Il ciavattino Domenico di Rienzo, Piazza del Riccio………..18
79. Il rammaro Domenico Romano…………………………………….14
80. Il bracciale Domenico di Santo…………………………………….14
81. Il sanzano Domenico Russo, Piazza di S.Erasmo…………….12
82. Il men. di bovi Domenico Santoro, Piazza della Chiesa….12
83. Il bracciale Domenico di Santo…………………………………….12
84. Il lav. cojraro Domenico Signore………………………………….16
85. Il bracciale Domenico Signore…………………………………….12
86. Vive del suo Domenico Sorrentino, Pubblica Piazza…..835.25
87. Il m.ferraro Domenico Silvestro, Piazza del Mercato……….14
88. Il facchino Domenico Tavano, Piazza del Mercato…………..32
89. Il lavorante cojraro Domenico Sticco, Piazza dell’Olmo…..60
90. Il lav. cojraro Domenico Trojano…………………………………..12
91. Il lavorante scarparo Domenico Trojse, Piazza del Riccio…12
92. Il Servidore Domenico Ziariello, Piazza dell’Olmo………….12
93. Il cernitore di grano Domenico Violante………………………..24
94. Il congiatore di pelli Domenico Antonio Fiorillo……………..83
95. Il bracc. Dom. Antonio Mandarino, Luogo S.Sebastiano…16
96. Vive del suo Dom. Antonio di Napoli, P.dell’Olmo…9023.9 e 1/2
97. Il lavorante scarparo Domenico Antonio Santorelli………….12
98………………Domenico Antonio Pirone, Piazza della Chiesa…12
99. Il mastro sartore Donato Cappabianca…………………….160.20
100.Il lav. scarparo Dom. Antonio Simeone, P.za S.Erasmo…12
101. Il servitore Donato Massimo, Piazza del Riccio……………..12

Lettera E
1. Il bracciale Emanuele Balisciano, Piazza della Chiesa…386.20
2. Il cuoco Emanuele Galluccio, Vinella del Riccio……….24.15
3. Il servitore Emilio d’Antonio, Piazza dell’Olmo………………12
4. L’eremita Ettore Miele, Piazza del Riccio……………………….12
5. Il bracciale Erasmo Conte, Piazza di S.Lorenzo……………..12
6. Eredi Aulicino: Vincenzo Aulicino, Piazza della Chiesa………
7. Eredi Fusco: Teresa Fusco, Piazza di S.Erasmo…………………
8. Eredi di Michele: Gaetano di Michele, Piazza di S.Erasmo….
9. Eredi Rauccio: Nicola Rauccio, Piazza di S.Erasmo……………
10. Eredi Paccone: Bartolomeo Paccone……………….69.22 e 1/2
11. Er. Saldamarco: Carmine Saldamarco, Vinella del Riccio…10
12. Er. Musto: Giovanni Musto, Vinella delle Monache…1.22 e 1/2
13. Eredi Arzia: Vincenzo Arzia, Piazza dell’Olmo………………..
14. Eredi Simeone: Sinisio Simione, Piazza di S.Erasmo…………
15. Eredi Foglia: Nicola Foglia, Piazza delli Chincari……………..
16. Eredi Cardona: Tommaso Cardona, Piazza di S.Erasmo…5.24
17. Eredi Borrasso: Domenico Borrasso, Piazza della Chiesa….
18. Eredi Fatigante: Felice Fatigante, Pubblica Piazza…………….
19. Eredi Frezza: Francesco Trezza, Piazza S.Erasmo…96.7 e 1/2
20. Eredi Cioffo: Francesco Cioffo……………………………………..
21. Eredi Pesante: Francesco Pesante, Piazza della Croce……….
22. Eredi Cipullo: Mattia Cipullo, Piazza di S.Erasmo……….103.5
23. Eredi Meola: Michelangelo Meola, Piazza del Mercato…….
24. Eredi Morrone: Giuseppe Morrone, Piazza di S.Erasmo………
25. Eredi Mundo: Giuseppe Mundo, Piazza di S.Erasmo…63.10
26. Er.delle Femine: Lorenzo delle Femine, Piazza della Croce…10

Lettera F
1. L’inabile Fabio Viggiano, Piazza della Chiesa………………14.45
2. Il chincaro Fabio Russo, Piazza della Chiesa…………………..6
3. L’Armizzero Fabrizio di Pomponio, Piazza di Casalnuovo…18
4. Il mastro ferraro Fabiano di Battista, Piazza di Casalnuovo….
5. Il mastro sartore Felice Cepullo, Piazza di S.Erasmo………..14
6. Il bracciale Felice Cecere, Piazza della Croce………………..12
7. Il bracciale Felice Iannotta, Piazza di Casalnuovo………….12
8. Il mastro scarparo Felice di Fonzo, Piazza della Chiesa……14
9. Il dottore fisico Felice Margarita……………………216.22 e 1/2
10. Vive del suo Felice Errico, Piazza di Casalnuovo…………..16
11. Il servitore Felice Trecciento………………………………………12
12. Il bracciale Felice della Valle, Piazza S.Erasmo………….21.15
13. Il v.di form.,oglio Ferdinando d’Alesio, Pubblica Piazza…80.20
14. L’inabile Ferdinando Russo, Piazza di S.Lorenzo…………….
15. Il bracciale Ferdinando Dattilo, Piazza di S.Erasmo………..17
16. Il bracciale Ferdinando Toscione, Piazza di S.Erasmo…….12
17. Il m. sart. Ferd.Lucariello, P. dell’Olmo o sia del Riccio…26
18. E’ giudice a contr Filippo Farina, in mezzo alla Piazza….37
19. Il lav. coiraro Filippo Nardiello, P di Casalnuovo…31.7 e 1/2
20. Il lav. calzolaio Filippo di Gennaro, Piazza di S.Lorenzo…18
21. Il menatore di bovi Filippo Troise, Piazza di S.Erasmo……12
22. Il trainiero Filippo Valentino, Piazza del Mercato…………38
23. Il spez.di med. Fortunato Ricciardi, P.del Riccio…357.18 e 3/4
24. Il mulettiere Flavio del Gatto, Piazza di Casalnuovo………16
25. Il lav. scarparo Fulvio Ciccarelli, Piazza del Mercato……..30
26. L’inabile Francesco d’Addonisio…………………………………18
27. Il lav. sartore Flaminio Mangino, Vinella delle Monache…34
28. Il vend. di tela Francesco Annella, Piazza del Riccio….151.26
29. Il bracciale Francesco d’Alesio, Piazza della Chiesa……..20
30. Il port. di q. Uni.tà Francesco d’Angelo……………………….30
31. Il mulattiero Francesco d’Antonio, Piazza del Mercato….30
32. Il matarazzaro Francesco d’Angelo, Piazza della Chiesa…12
33. Il mastro falegname Francesco Aruta, Piazza del Mercato…14
34. Il bracciale Francesco Bavota, Piazza di S.Erasmo………..24
35. Il cocchiero Francesco Baldassarre, Piazza del Mercato….24
36. Vive del suo Francesco Bovenzi, P. di Casalnuovo…758.19 e 1/2
37. Il facchino Francesco Buono, Pubblica Piazza………………….
38. Il trainiero Francesco di Camillo, Piazza Pubblica………….12
39. Lo scriv. della Torre di Capua Francesco Cajro, P. di S.Erasmo…6
40. Il pittore Francesco Cappabianca, Piazza di S.Erasmo….33.15
41. Il lavorante cojraro Francesco Cantiello………………….27.10
42. Il bracciale Francesco di Caprio, Piazza di Casalnuovo….12
43. Il ciavattino Francesco Capitella………………………………….14
44. Il bracciale Francesco Caserta, Piazza delli Chincari……..12
45. Il fabbricatore Francesco Cardillo, Piazza di S.Erasmo….12
46. L’inabile Francesco Ciccariello, Piazza del Riccio……………
47. Il servidore Francesco Centrella, Piazza di Casalnuovo…….12
48. Il bracciale Francesco Cipullo, Piazza di S.Erasmo………..18
49. L’inabile Francesco Civile, Piazza del Riccio………………….
50. Il massaro Francesco delle Femine, P.zza di S.Erasmo…86.25
51. Il facchino Francesco Esposito, Piazza della Croce………..24
52. Il bracciale Francesco Ferraro, Piazza della Chiesa………..12
53. L’acquavitaro Francesco Fossataro, Piazza di S.Erasmo….59
54. Il mulattiero Francesco Foglia, Piazza della Chiesa……..24.20
55. Il pittore Francesco Fusco, Piazza di S.Erasmo…64.17 e 1/2
56. Vive del suo Francesco Trezza, Piazza di S.Erasmo….539.2
57. Il bracciale Francesco Gazzillo…………………………………..12
58. Il bracciale Francesco Giaquinto, Piazza della Chiesa……..6
59. L’inabile Francesco Gentile, Piazza di S.Erasmo……………28
60. Vive del suo Francesco di Gennaro, P.d.Croce…1202.24 e 1/2
61. Il cappellaro Francesco Giordano………………………………..12
62. Il bracciale Francesco Guarino, Piazza della Chiesa……….26
63. Il cojraro Francesco Tenco, Piazza S.Erasmo…………………6
64. Il pettinatore di canape Francesco di Guida…………………..18
65. Il bracciale Francesco Leggiero, Piazza delli Chincari…….18
66. Il macellaro Francesco di Iuorio, Piazza di Casalnuovo……30
67. Il lavorante scarparo Francesco Luongo……………………….12
68. Il bracciale Francesco Letizia, Piazza di Casalnuovo……..12
69. Il galessiero Francesco Lupone, Piazza di S.Lorenzo………12
70. Il mastro scarparo Francesco Luglio, Piazza di S.Erasmo…38
71. Il m. chincaro Francesco Maiorano, P.zza della Croce…34.15
72. Lo stagnaro Francesco Maiello, Piazza della Chiesa………18
73. Il bracciale Francesco Mandarino, Piazza di S.Erasmo…..12
74. Il fameglio Francesco di Mauro, Piazza della Croce…….12
75. Il m. barbiero Francesco Martuccio, Piazza dell’Olmo…..14
76. Il lav. sartore Francesco Manduca, Piazza della Chiesa….12
77. Il maccaronaro Francesco Masiello, P. di S.Lorenzo……….12
78. Il lav. barbiero Francesco Masullo, Piazza della Croce…..12
79. Il dottore Francesco Masucci, Piazza S.Lorenzo…………….530
80. Il lav. coiraro Francesco Mastroianni, Pubblica Piazza….24
81. Il lav. sartore Francesco Mastroianni, Piazza della Chiesa…12
82. L’affitt.v.corpi Francesco di Michele, Pubblica Piazza…76.10
83. Il vaticale Francesco Mazziotta, Piazza di Casalnuovo……40
84. Il bracciale Francesco di Monico, Piazza di S.Lorenzo……12
85. Vive del suo Francesco Musto, Piazza S.Erasmo…86.10 e 5/6
86. Il lav. coiraro Francesco Moronese, Piazza dell’Olmo…….12
87. Il carbonaro Francesco de Niro, Piazza della Chiesa……..24
88. Il bracciale Francesco di Nardo, P.zza di Casalnuovo…15.10
89. Il bracciale Francesco Orlando, Piazza di S.Erasmo………48
90. Il bracciale Francesco D’Oria, Piazza del Riccio……………..12
91. Il bracciale Francsco Papale, Piazza S.Erasmo…………….22
92. Il barrecchiale Francesco Papale, Piazza S.Erasmo………50
93. Il m. sartore Francesco di Padre, Piazza della Chiesa………14
94. Il bracciante Francesco Rafaele…………………………………..36
95. Il man. g. di speziaria Francesco Quagliero………………..34.20
96. Il servidore Francesco Raguccio………………………………….30
97. Lo scarparo Francesco Rafaele…………………………………..30
98. Il nobil vivente Francesco De Renzis, P. dell’Olmo…1419.25
99. Il m. scarparo Francesco Paolino, Piazza di Casalnuovo…14
100. Il bracciale Francesco Parise, Piazza della Croce…………12
101. Il calzolajo Francesco Di Rienzo, Vinella del Riccio……….12
102. Il funaro Francesco Di Rienzo, Piazza di Casalnuovo…….20
103. Il neg. cojraro Francesco Ricciardo, P.della Chiesa…988.20
104. Il bracciale Francesco Della Rocca, Piazza della Croce…12
105. Il bracciale Francesco Rossetta, Piazza della Chiesa………23
106. Il galessiero Francesco Rumolo, Pubblica Piazza………25.10
107. Il servidore Francesco Russo, Piazza della Croce………….12
108. Il cocchiero Francesco Russo, Piazza della Chiesa………..12
109. Il cojraro Francesco Russo, Piazza della Chiesa…………….12
110. Il massaro Francesco Russo, Piazza della Croce…………..56
111. L’ortolano Francesco Santoro, Piazza della Chiesa……….12
112. Il bracciale Francesco Di Santo, Piazza di Casalnuovo….14
113. Il trajniero Francesco Savino, Piazza della Chiesa……26.20
114. Il Dep.l’Unità di S.M., Francesco Santoro, P.della Croce…….
115. Il furnaro Francesco Simeone, Piazza di S.Erasmo…….14.24
116. Il bracciale Francesco Sergio, Piazza della Chiesa…………12
117. Il bracciale Francesco Scala, Piazza di Casalnuovo………..22
118. Il bracciante Francesco Simeone, Piazza della Chiesa……24
119. Il neg. d’oglio Francesco Spierto, P.di Casalnuovo…162.25 e 1/3
120. Il bracciale Francesco Stellato, Piazza della Chiesa………12
121. Il vaticale Francesco di Stasio, Piazza di S.Erasmo………36
122. Il sartore Francesco Tramunto, Piazza del Riccio………….14
123…………Francesco Tagliaferro, Piazza del Riccio……………24
124. Il bracciale Francesco Tavano, Piazza della Croce……….30
125. Il bracciale Francesco Trepiccione, Piazza della Chiesa…12
126. Il neg.cojraro Francesco Della Valle, P.di S.Erasmo…189.20
127. Il parrella Francesco Trojano, Piazza del Riccio…………..12
128. Il lav. sartore Francesco Della Valle, Piazza della Chiesa…12
129. Il cojraro Francesco Della Valle, Piazza del Riccio…..139.10
130. Il m.sartore Francesco Della Valle, Piazza S.Erasmo….51.10
131. Lo spez. m. Francesco Vastano, P. di S.Lorenzo…257.8 e 1/2
132. L’ortol. Francesco Viggiano, Luogo La Torre…156.17 e 1/2
133. L’inabile Francesco Vitale, P.za delli Chincari….70.7 e 1/2
134. Il cojraro Francesco Viola, Piazza dell’Olmo….48.22 e 1/2
135. Il negoziante Francesco Zarrillo, Piazza della Chiesa…218.5
136. Il mastro ferraro Francesco Zito, Piazza del Mercato……62
137. Il fornaro garzone Gaetano Garofalo, Piazza dell’Olmo…12
138. Il bracciale Francesco Antonio delli Paoli, P.di S.Erasmo…12
139. Il servidore Francesco Antonio Argano, Piazza del Riccio…24

Lettera G
1. Il merciaro lavorante Gaetano Gentile……………………….44.20
2. Il bracciale Gaetano Fusco, Piazza del Riccio…………………12
3. Il servitore Gaetano di Michele, Piazza di S.Erasmo………..6
4. Il coiraro Gaetano Paccone, Piazza di S.Erasmo……………68
5. Il magnifico Don Gaetano Moscato, Pubblica Piazza………….
6. Il bracciale Gaetano Pezzella, Piazza della Chiesa……………36
7. Il bracciale Gaetano Pascale, Piazza di S.Erasmo…………….12
8…………………Gaetano Schettino, Piazza di S.Erasmo………….30
9. Il molinaro Gaetano Russo, Piazza della Chiesa……………..12
10. L’inabile Gaetano Ventriglia, Piazza di S.Erasmo…13.7 e 1/2
11. Il bracciale Gaetano Vastano, Piazza della Chiesa………….12
12. Il menatore di bovi Gaetano Arillo, Piazza S.Erasmo………..12
13. Il lav. sartore Gaetano di Vincenzo, Vinella dei Musti……12
14. Il sellaro Gennaro Berardino, Capp. del Corpo di Cristo…18
15. Il cappell. Gennaro Cascella, Piazza della Concezzione…24
16. Il guarnam. Gennaro Bergantino, Vinella delle Monache…24
17. Il servitore Gennaro Casertano, Piazza del Mercato………..12
18. Lo spez. man. Gennaro Fiordellise, P.zza del Mercato…339.10
19. Il servitore Gennaro Esposito, Piazza del Riccio……………..12
20. Il mulettiero Gennaro di Guida, Piazza di S.Lorenzo…..125.20
21. Il mulettiere Gennaro Fusco, Vinella del Riccio…………..39.10
22. Il fabbricatore Gennaro Mazzarella, Piazza del Riccio…….24
23. Il giardin. Gennaro Martuccio, [aff. Padri Ges. di Capua]…26
24. Il vaticale Gennaro Nardiello, Piazza del Mercato……….34.15
25. Il bracciale Gennaro Orlando, Piazza di S.Erasmo…………..12
26. Il bracciale Gennaro Niespolo, Piazza della Chiesa………..12
27. Il magn. Gennaro Palomba, Piazza della Chiesa…690.12 e 1/2
28. Il fruttaiolo Gennaro Pepe, Piazza di Casalnuovo…………….22
29. Il galessiero Gennaro Papa , Piazza della Croce…………25.10
30. L’orlettaro Gennaro Pepe, Piazza dell’Olmo…………………..46
31. Il bracciale Gennaro di Rienzo, Piazza di Casalnuovo…16.10
32. Il saponaro Gennaro Pisacano, Piazza del Riccio…………….12
33. Lo speziale manuale Gennaro Ravo, Pubblica Piazza….32.20
34. Il verdummaro Gennaro Rosato, Pubblica Piazza…………….38
35. Il bracciale Gennaro Russo, Piazza della Chiesa……………..28
36. Il merciaro Gennaro dello Siesto, Piazza della Croce……….12
37. Il fabbricatore Gennaro Vastano, Piazza del Riccio…………12
38. Il dott.chirurgo Gennaro Stellato, P.dell’Olmo….11.7 e 1/2
39. L’orefice Gennaro Vitagliano, Piazza di S.Erasmo……….78.20
40. Il pescevendolo Gennaro Vescella, Piazza di Casalnuovo….12
41. Il fuciliero Generoso Ferraiolo, Piazza del Mercato……….63.5
42. Il bracciale Generoso Cecere , Piazza della Chiesa……..13.20
43. Il lav. coiraro Generoso della Valle, Piazza del Riccio…..31.20
44. Il lav. cojraro Geronimo Bavota, P. di S.Erasmo…102.12 e 1/2
45. Il garz. galessiero Generoso Veneziano, Pubblica Piazza….12
46. Il bracciale Geronimo Cantiello, Piazza di S.Erasmo……….26
47. Vive del suo Geronimo Cipullo, P.di S.Lorenzo….72.7 e 1/2
48. Il magnifico Geronimo Ferraro, Piazza dell’Olmo………………
49. Il bracciale Geronimo Capitella, Piazza di S.Erasmo……….12
50. L’inabile Geronimo Russo, Piazza della Chiesa……………….
51. Il galessiero Geronimo dell’Ozio, Pubblica Piazza…………16
52. Il merciaro Germaro Negro, Piazza del Mercato…………85.10
53. Il manipolo Geronimo Vastano, Piazza della Chiesa………..12
54. Il bracciale Giacinto Orlando, Piazza di S.Erasmo…………12
55. Il bottegaro Giacomo Ciccarelli, Piazza del Riccio………31.20
56. Il cuoco Giacinto Pacella, Piazza di Casalnuovo…………….12
57. Il magn.Giacomo Guidetti, Piazza del Riccio….240.21 e 1/4
58. Il bracciale Giacomo Marsella, Piazza di Casalnuovo……..12
59. Il servitore Giacomo Guidone, Piazza del Riccio……………12
60. Il neg. cojraro Giacomo Musto, Vinella delli Musti…353.10
61. Il massaro Giacomo Pascale, Piazza S.Erasmo…………66.15
62. Lo spez. man. Giacomo della Valle, Piazza S.Erasmo…..111
63. Il bracciale Giacomo Pezzella, Piazza S.Erasmo……………12
64. Il neg. cojraro Giacomo Simione, Piazza del Riccio…422.15
65. Il cojraro Giacom’Antonio Capitella, P. d. Chincari…91.17 e 1/2
66. Il m. fà legname Giacom’Antonio Pascale, P.S.Erasmo….17
67. Il bracciale Giacom’Antonio Russo, P.za di Casalnuovo…36
68. Il carroz. Giacom’Antonio Vellone, Piazza della Chiesa…30
69. Il cojraro Giosuè Fusco, Piazza della Chiesa…………..652.5
70. Il mastro sartore Giosuè Stellato, Piazza di Casalnuovo…14
71. Il cappellaro Gioacchino Russo, Piazza Pubblica…………136
72. Il bracciale Giosuè Troise, [affitto del Sem. di Capua]…24
73. Il maniscalco Gioacchino Zambano, Piazza del Mercato…32
74. Il lav. sartore Gioacchino Vastano, Piazza del Riccio…….24
75. Il cappellaro Giorgio Russo, Pubblica Piazza…………………46
76. Il giardiniero Giorgio Ferriero, Piazza della Chiesa………..14
77. Il caprettaro Giovanni d’Addonisio, Piazza di S.Lorenzo…12
78. Il servitore Giorgio Sagnelli, Piazza della Croce…………..12
79. L’inabile Giovanni Arziero, Piazza di S.Erasmo……………14
80. Il bracciale Giovanni d’Addonisio, Piazza delli Chincari…24
81. Il fabbricatore Giovanni Aulicino, Piazza del Mercato……28
82. L’inabile Giovanni Aulicino, Piazza del Riccio……………….18
83. Il lav. scarparo Giovanni Bergantino, Pubblica Piazza…..12
84. Il bracciale Giovanni Barletta, Piazza delli Chincari………12
85. L’inabile Giovanni Cipullo, Piazza del Riccio………….48.15
86. Il bracciale Giovanni Cappabianca, Piazza della Chiesa…44
87. Il fabbricatore Giovanni Civile, Piazza del Riccio………….30
88. Il bracciale Giovanni Contestabile……………………………….12
89. Il merciaro Giovanni Criscuolo, Piazza del Mercato…..82.10
90. Il lav. cojraro Giovanni di Criscienzo, P.zza del Riccio…20.38
91. Il bracciale Giovanni di Crescenzo, Piazza del Riccio……24
92. Il nobil v. Giovanni Gagliardo, P.del Riccio…1340.72 e 1/2
93. Il lav. cojraro Giovanni Funaro, Piazza del Riccio…………36
94. Il neg. cojraro Giovanni di Gennaro…………………….697.10
95. Il servitore Giovanni del Gaudio, Piazza della Chiesa……..12
96. Il servitore Giovanni Girardo, Piazza della Chiesa…………12
97. Il bracciale Giovanni Grieco……………………………………28.15
98. Il lav. cojraro Giovanni Tenco, Piazza dell’Olmo……..18.20
99. Il panettiero Giovanni Ianniello, Piazza del Riccio………….48
100. Il merciaro Giovanni la Rezza, Piazza della Chiesa………18
101. Il cojraro Giovanni Tenco, Piazza di Casalnuovo………..20
102. Il vaticale Giovanni di Leone, Piazza delli Chincari….61.10
103. Il servitore Giovanni de Martino, Piazza di Casalnuovo…12
104. Il lav.stagnaro Giovanni Majello, Piazza della Chiesa…..12
105. Lo spez. m. Giovanni Mastroianni, P.di Casalnuovo…129.2 e 1/2
106. L’armizzero Giovanni Martuccio, Piazza di Casalnuovo…16
107. Il m.sartore Giovanni della Monica, Piazza di S.Erasmo…18
108. Il menat. di bovi Giovanni Mele, Piazza di Casalnuovo…12
109. Il galessiero Giovanni d’Orta, Piazza della Croce………..12
110. Il lav. scarparo Giovanni Niespolo, Piazza del Riccio……12
111. Il bracciale Giovanni Papa, Piazza della Chiesa………….12
112. Il m. carrese Giovanni Palumbo, Piazza della Chiesa……..35
113. Il servitore Giovanni Picario, Piazza della Croce…………12
114. Il men. di bovi Giovanni Pascale, Piazza di Casalnuovo…12
115. Il lav. coiraro Giovanni Pugliese, Piazza del Riccio…….24
116. Il macellaro Giovanni Piscopo, Piazza della Chiesa…….36
117. Il sanzano Giovanni Raguccio, Piazza della Croce……314
118. Il sonatore Giovanni Remer, Piazza della Chiesa………..14
119. Il m. barbiero Giovanni Raguzzino, Pubblica Piazza…..14
120. Il chincaro Giovanni Rossetta, P. del Riccio….26.12 e 1/2
121. Il cameriero Giovanni del Rio, Piazza dell’Olmo………..12
122. Il bracciale Giovanni Russo, Piazza S.Erasmo……………16
123. Il bracciale Giovanni Santoro, Piazza delli Chincari….12
124. Il mandese Giovanni Salzillo……………………………………..14
125. Il bracciale Giovanni Simeone, Piazza di S.Erasmo………18
126. Il merciaro Giovanni Sergio, Piazza delli Chincari….16.12
127. Il giardiniero Giovanni della Vecchia…………………………44
128. Il lav. scarparo Giovanni Stellato, Piazza del Riccio……12
129. Il bracciale Giovanni Valentino, Piazza della Chiesa…..12
130. Il custode di animali Giovanni Veglio, Piazza del Riccio….12
131. Il lav. sartore Giovanbatta Biascione, Piazza del Riccio….12
132. Il cieco Giovanni Antonio Monaco, Piazza dell’Olmo……..
133. Il giardiniero Giovanbatta Bosco, Piazza di S.Erasmo…….30
134. L’ogliararo Giovanbatta Cardito……………………………….62
135. Il spez.di m.Gioanbatta Carcasio, P.d.Croce…..187.3 e 1/3
136. Il lav. coiraro Giovanbatta Moronese, Piazza dell’Olmo…12
137. Il pett. di can. Gioanbatta Castaldo, Ospizio di S.Carlo…12
138. Il servitore Gianbatta Pimpinella, Piazza della Chiesa……12
139. Il lav. coiraro Giovanbatta Palumbo, P.za di Casalnuovo…12
140. Il cojraro Giovanbatta Russo, Piazza di S.Lorenzo….325.15
141. Il bottegaro Giovanbatta Saldamarco, P. di Casalnuovo….14
142. L’inabile Giovanbatta dello Signore, P. di S.Erasmo….38.15
143. Il lav. cojraro Giovanbatta Valletta, P.zza di Casalnuovo…18
144. Il bracciale Giovanbatta Tamburrino, P.zza del Mercato…18
145. Il bottegaro Giovanbatta del Vecchio, Pubblica Piazza…14
146. Il manipolo Giovanbatta Vastano, Piazza della Chiesa…12
147. Il facchino Giovanpietro Castaldo, Piazza della Chiesa….24
148. Il bott. de’ form. Giovan Lorito Ferraro, Pubblica Piazza…20
149. Vive nobilmente Giuseppe Antinolfi……………………..278.5
150. Il bracciale Giulio Antonio Funiciello, Piazza del Riccio…12
151. Il bracciale Giuseppe Dattilo, Piazza di S.Erasmo…47.20
152. Il m. calzolaio Giuseppe Avenia, Piazza della Chiesa…14
153. L’assist. scavo d.pietre Giuseppe Avellino, Pubb. Piazza…10
154. Il bracciale Giuseppe di Bello, Corpo di C. di S.Pietro….24
155. Il manipolo Giuseppe Aulicino, Pubblica Piazza………….12
156. Il nob.v. Giuseppe Bernardo Audena, Pubbl. Piazza…278.19
157. Il g. di Curia Giuseppe Bernardo, Piazza del Riccio…16.20
158. Il bracciale Giuseppe Bovino, Piazza della Chiesa……..12
159. Il trainiero Giuseppe di Bernardo, Piazza del Mercato…20
160. Il br. Giuseppe Busico, P.d.Chiesa e Vinella comunante….26
161. Il mastro sartore Giuseppe Bruno, Piazza dell’Olmo……20
162. Il bracciale Giuseppe Cantiello, Piazza di S.Erasmo…..12
163. Il bracciale Giuseppe Busico, Piazza di S.Erasmo…..16.15
164. Il lav. scarparo Giuseppe Capuano, Piazza del Riccio….12
165. Il bracciale Giuseppe Cappabianca, Piazza S.Erasmo…26
166. Il g. di spez. m. Giuseppe Cocchiara, Piazza del Riccio…..12
167. Il lav. barbiero Giuseppe Carrese, Piazza della Croce….12
168. Il lav. pittore Giuseppe Capitella, Piazza di S.Erasmo….12
169. Il carrozziero Giuseppe Colonna, Piazza dell’Olmo……..12
170. L’orefice inabile Giuseppe Costa, Piazza S.Lorenzo…..95.10
171. Il pizzicarolo Giuseppe Corsaro, Pubblica Piazza………..14
172. Il facchino Giuseppe Castaldo, Piazza della Croce…………12
173. Il lav. ferraro Giuseppe Casertano, P.zza di Casalnuovo….12
174. Il bracciale Giuseppe Cecere, Piazza della Croce………..12
175. Il port. di man. Giuseppe Cavallo, Piazza di Casalnuovo…12
176. Il vend. di vino Giuseppe Cipullo, Piazza di S.Lorenzo….12
177. Il m. sartore Giuseppe Cepparulo, Piazza del Riccio….16.20
178. Il neg. cojraro Giuseppe Cipullo, Pubblica Piazza…….142
179. L’Armizzero Giuseppe Chiariello, Pubblica Piazza………..18
180. Il m.ferraro Giuseppe Donadio, Parroc.S.M…..42.22 e 1/2
181. L’Armizzero Giuseppe Cresileo, Pubblica Piazza…………12
182. Il funaro Giuseppe di Fralla, Piazza di S.Erasmo…………….14
183. Il trainiero Giuseppe Fiorillo, Piazza della Chiesa…………28
184. Il cojraro Giuseppe Fusco, Piazza del Riccio……………..184
185. Il ciavattino Giuseppe Fuccia, Piazza della Croce…………12
186. Il bracciale Giuseppe Gallo, Piazza del Riccio……………12
187. Il ciavattino Giuseppe Gentile, Piazza della Chiesa…….24
188. Il panettiero Giuseppe Garofalo, Ospizio Pietra Santa……12
189. Il bracciale Giuseppe Grieco……………………………………14
190. Il chincaro Giuseppe Giaquinto, Piazza della Chiesa…..12
191. Il marc.d.Terra d.Cusano Gius.Leone, Palazzo del S. Barone…836.20
192. Il mastro falegname Giuseppe Lania, Vinella delli Musti…26
193. Il cappellaro Giuseppe di Luca, Piazza del Riccio………24
194. Il vaticale Giuseppe di Leone…………………………………….16
195. Lo spez.Giuseppe di Majo, Piazza del Mercato….17 e 1/2
196. Della Regia Corte Giuseppe Marotta, P. del Riccio…621.20
197. Il vaticale Giuseppe Marfeo, Piazza della Chiesa…………18
198. Il cocchiero Giuseppe Massimo, Piazza dell’Olmo………12
199. L’affittatore Giuseppe di Mase, Piazza della Chiesa…….110
200. Il telajolo Giuseppe Mastroianni, Piazza del Mercato…17.10
201. Il lavorante Giuseppe Mastrantuono, Piazza Pubblica…..12
202. Il vaticale Giuseppe di Matteo, Piazza della Chiesa………14
203. Il lav.cojraro Giuseppe Mastroianni, Piazza del Riccio…24
204. Vive del suo Giuseppe Mescato, Piazza della Croce…1088.5
205. Il facchino Giuseppe Mundo, [aff.dall’Unità di S.M.]…18
206. Il chiavettiero Giuseppe Nasta, P.zza di Casalnuovo…53.12
207. Il seggiaro Giuseppe Napolitano, Piazza del Riccio……..12
208. Il rammaro Giuseppe di Nicola, Piazza di Casalnuovo……12
209. Il bracciale Giuseppe di Natale, Piazza del Riccio…………33
210. Il giardiniero Giuseppe Niespolo, P.zza di S.Erasmo…57.10
211. Il pittore m.stro Giuseppe Oliveti, Piazza di Casalnuovo…12
212. Il m. sartore Giuseppe Paolometallo, P.zza di S.Erasmo…26
213. Il verdamaro Giuseppe Orlando, Pubblica Piazza…………12
214. L’armizzero Giuseppe di Palma, Piazza della Croce………24
215. Il nobil v.dottore fisico Giuseppe Palumbo, P.di S.Lorenzo….
216. Il sonatore Giuseppe Parente, Piazza della Chiesa…..26.25
217. Il facchino Giuseppe di Palma, Vinella del Riccio…………24
218. Lo stacc. di sole Giuseppe Pasquariello, P.za della Croce…12
219. Il corriero Giuseppe Pascale, Piazza di San Lorenzo…….14
220. Il mastro calzolaio Giuseppe Pirolo, Piazza dell’Olmo…916
221. Il lav. manisc. Giuseppe Peccerillo, Piazza del Mercato…12
222. Il n.v. Giuseppe Ricciardi, P.za della Chiesa…221.22 e 1/2
223. Il facchino Giuseppe Polimeo, Piazza di Casalnuovo…..12
224. Il m. calzolaio Giuseppe Ricciardo, Pubblica Piazza……40
225. Il vend. di pane Giuseppe Ricciardo, Pubblica Piazza…12
226. Il ciavattino Giuseppe Ricco, Piazza di S.Erasmo……….26
227. Il barrecchiale Giuseppe Ricco, Piazza delli Chincari…..28
228. Il farinaro Giuseppe Russo, Vinella delli Musti…………77.4
229. Il servitore Giuseppe Rossetta, Piazza del Riccio………….30
230. Il cojraro Giuseppe Russo, Piazza di S.Lorenzo…………..16
231. Il pittore Giuseppe Sagrestani, Piazza di Casalnuovo…….12
232. Il bracciale Giuseppe Russo, Piazza delli Chincari……..12
233. Il mastro barbiero Giuseppe Setaro, Piazza di S.Erasmo…14
234. Il m. di bovi Giuseppe di Santo, [casa aliena per carità]…12
235. Il lav.cojraro Giuseppe Signore, Piazza dell’Olmo………..12
236. Il servitore Giuseppe Secchi, Piazza di Casalnuovo…….12
237. Lo scarparo Giuseppe Simeone, Piazza dell’Olmo……….6
238. Il chincaro Giuseppe di Simone, Piazza di S.Erasmo………12
239. Il galessiero Giuseppe Spano, Piazza del Riccio………….24
240. Il bracciale Giuseppe Scala, Piazza di S.Erasmo…………17
241. Il vaticale Giuseppe di Stasio, Piazza di S.Erasmo………..28
242. Il telajolo Giuseppe Spierto………………………………………16
243. Il bracciale Giuseppe Stellato, Piazza di Casalnuovo…….42
244. Il bracciale Giuseppe Squisito, Piazza del Riccio………….6
245. Il bracciale Giuseppe Stellato, Piazza di Casalnuovo…18
246. Il mastro calzolaio Giuseppe Vastano, Piazza dell’Olmo…50
247. Il servitore Giuseppe Tuosto, Piazza dell’Olmo…………..30
248. Il bracciale Giuseppe Vastano, Piazza della Croce………20
249. Il giardiniero Giuseppe Viggiano, Piazza S.Erasmo……..18
250. Il sellaro Giuseppe Vastano, Piazza di S.Lorenzo………….12
251. Il parrella Giuseppe Zito, Piazza di Casalnuovo…………..12
252. Il rammaro Giuseppe Visconte, Piazza del Mercato…52.20
253. Il macellaro Gregorio Prisco, Piazza del Mercato…………12
254. Il vend. di vino Giuseppe Antonio Ricco, P. di S.Erasmo…12

Lettera I
1. Il bracciale Ignazio Friello………………………………………….38
2. Il trainiero Ignazio Prudente, Piazza della Croce…………….20
3. Il servitore Innocenzo Ricco, Piazza del Riccio……………….12
4. Il lavorante carrese Innocenzo Merola, Piazza della Croce…12
5. Il macellaro Ippolito Cervone, Piazza del Riccio…22.20 e 1/2
6. Il fabbricatore Innocenzo Storino, Piazza del Riccio…………48
7. Il bracciale Isidoro della Valle, Piazza di S.Erasmo…………..12

Lettera L
1. Il cappellaro Leonardo Verna, Pubblica Piazza………………..42
2. Il lav. calzolaio Leonardo Antonio Letizia, P.zza S.Erasmo…12
3. Il m. falegname Leonardo Malatesta, Piazza di S.Lorenzo…14
4. Il m. cataro Liborio Viglione, Piazza di Casalnuovo……….14
5. Il vaccaro Leone Santarziero, Piazza dell’Olmo………………18
6. Il vaticale Lorenzo Cappabianca, Piazza di S.Erasmo………18
7. Il caprettaro Lorenzo d’Addonisio, Piazza del Riccio………12
8. Il cernit. di grano Lorenzo Maccariello, Piazza dell’Olmo….12
9. Il chincaro Lorenzo della Corte, Piazza della Chiesa………….12
10. L’inabile Lorenzo di Nardo, Piazza S.Erasmo…………………36
11. Il bracciale Lorenzo Mundo, Piazza di S.Erasmo………..74.10
12. Il bottegaro Lorenzo Pezzella, Piazza del Riccio…………..20
13. Il lav. scarparo Lorenzo Doria, Piazza di S.Lorenzo……18.6
14. Il bracciale Lorenzo Ricco, Piazza del Riccio………………..14
15. Il servitore Lorenzo Zevino, Piazza di Casalnuovo…………12
15. Il lavorante cojraro Lorenzo Sparano, Piazza del Riccio…52
16. Il bracciale Lorenzo Saldamarco, Piazza di S.Erasmo…….12
18. Il lav. cojraro Lorenzo Sportiello, Piazza della Croce……….12
19. L’ogliararo Lorenzo Spierto, Piazza di S.Erasmo…………….42
20. Il giardiniero Lorenzo Viggiano, Piazza di S.Erasmo…..41.10
21. Il bracciale Luca Raguzzino, Piazza di S.Erasmo………..12
22. Il bracciale Luca Altiero, Piazza della Croce………………..12
23. L’inabile Luca di Simone……………………………………………..
24. Il giudice a contr. Luca Russo, P. della Chiesa…..21.7 e 1/2
25. Il lav. scarparo Lodovico Gentile, Piazza del Riccio……….12
26. Il vaticale Luigi Antonio Bovenzi, [v. Rev. Bovenzi]……..28

Lettera M
1. Il bott. di caso ed oglio Macario Bruno, Pubbl.Piazza…27.10
2. Il lav. scarparo, Majorano Esposito, Piazza di Casalnuovo…10
3. Il m. falegname Marino Spano, Piazza di S.Lorenzo…..25.10
4. Il lavorante scarparo Marino Trojse, Piazza del Riccio…….24
5. Il bracciale Marcello Falcone, Piazza della Croce ……………12
6. Il bracciale Marco Bovino, Piazza del Mercato………………12
7. Il cardatore di lana Marco Cataldo, Piazza di Casalnuovo….12
8. L’applicato alla chir. Marco Crucillo………………………………….
9. Il bracciale Marco delle Femine, Piazza di S.Lorenzo…………18
10. Il bracciale Marco Papa, Pubblica Piazza……………………..12
11. Il bracciale Marco Peruggino………………………………………22
12. Il vettorino Marco Prudente, Piazza del Riccio………………..12
13. Il m.scarparo Marco Raguzzino, Piazza della Chiesa……..22
14. Il cappellaro Marco Russo, Piazza S.Erasmo………………..52
15. Il bracciale Marc’Antonio d’Argenzio, Piazza di S.Erasmo…12
16. Il neg. cojraro Marc’Antonio Cappabiana, P.d.Chincari…342
17. Il tallonettaro Marc’Antonio Giannetti, P.del Mercato…….24
18. Il vat. Marc’Antonio Raimondo, Piazza della Chiesa…..54.10
19. Il farinaro Marc’Antonio Russo, Piazza della Chiesa…140.20
20. Il lavorante cojraro Massimiano Cocchiara…………………..12
21. Il massaro Massimiele Casertano……………………………….74.5
22. Il nobil viv. Don Matteo Antinolfi, Piazza dell’Olmo…1017.20
23. Il ciavattino Matteo d’Attilio, Piazza della Chiesa………….12
24. Il fabbricatore Matteo Aulicino, Piazza del Mercato…..646.25
25. Il mezzano Matteo Casella, Piazza della Croce………..43.15
26. Il pettinatore di canape Matteo di Guida, P.za della Croce…12
27. Il suddito Regia Corte Matteo Fratta , Piazza della Croce…4
28. Il mastro calzolajo Matteo Papa, Piazza della Chiesa…….49
29……………………… Matteo Papale, Piazza di Casalnuovo….12
30. Il felajolo Matteo Sastro…………………………………………..25.10
31. L’inabile Matteo Squisito, Piazza della Chiesa……………….12
32. Il pett. di canape Mattia di Cambio, Piazza d.Croce……..18
33. Il n.v. notar Mattia Cappabianca, Pubblica Piazza………………
34. L’agrimensore Mattia Dello Cuoco, Piazza della Croce…..22
35. Il ciavattino Mattia Moronese, Piazza di Casalnuovo……..12
36. Il Servidore Mattia Palumbo, Piazza dell’Olmo……………..12
37. Il bracciale Mattia Papale, Piazza S.Erasmo…………………42
48. Il senza imp. Mattia Reale, P.za di Casalnuovo…50.2 e 1/2
49. Il mastro calzolajo Mattia Sticco, Piazza dell’Olmo……….38
50. L’indoratore Mattia Postiglione, Piazza della Chiesa…18
51. Il lav.sartore Mauro Bencivenga, Piazza della Chiesa…….12
52. Il chincaro Michele Carcasio, Piazza della Chiesa………….12
53. Il lav. barbiero Michele Cardone, Piazza dell’Olmo…………6
54. Il bracciale Michele Caserta, Piazza di S.Erasmo…………….8
55. Il lavorante cojraro Michele Cedrola……………………..190.21
56. Il lavorante scarparo Michele Fontana…………………………12
57. Il fabbricatore Michele Gallina, Piazza del Riccio…………..
58. Il paggio Michele Giaquinto…………………………………………12
59. Il m. fà legname Michele Lania, Piazza delli Chincari……..42
60. Il fundac.o de’ panni Michele Pepe, P.za della Croce.. 412.10
61. Il bracciale Michele Pezzella, Piazza di Casalnuovo………..14
62. Il manipolo Michele Ricco, Piazza della Croce……………..12
63. Il parrella Michele Ricco, Munistero della Pietra Santa……12
64. Il m. scarparo Michele Signore, Piazza della Croce…15.18
65. Il cojraro Michele Scarano, Piazza dell’Olmo……………….172
66. Il bracciale Michele Tagliacuozzo, Piazza della Chiesa….36
67. Il bracciale Michele Valletta………………………………………..12
68. Il nobil vivente Michele Vetta, Piazza della Chiesa……..2329
69. Il lav. carozziero Michele Vellone, Piazza del Riccio………15
70. Il lav. maccaronaro Michele Vin

Description

La struttura feudale della Corte Regia fra Seicento e Settecento


Come abbiamo già visto per lo Stato di Caserta (insieme dei feudi casertani rappresentati dai quartieri e dai casali), una Corte baronale locale, è retta dal Capitano della Terra, coadiuvato da un Consultore (avvocato), che si serve di Baglivi e Mastrodatti, differenziandosi dalle Corti nundinali, che presuppongono servigi ed atti di sottomissione religiosa. Secondo lo studioso Guido Pescosolido, già prima del 1600, pur nelle variegate situazioni locali, la sfera dei poteri giurisdizionali del barone continuò ad essere estesa: prime cause civili, criminali e miste; secondo e in qualche caso anche terzo grado di giudizio; potestà discrezionale di remissione dei delitti, acquisizione dei proventi delle pene comminate e dei beni confiscati senza obbligo di rendiconto; forgiudica, ossia diritto di condanna, quasi sempre con diritto di confisca dei beni, nei riguardi di persone bandite e di latitanti ancora dopo un anno; nomina di giudici e ufficiali; concessione delle cosiddette quattro lettere arbitrarie, ossia della possibilità per il feudatario di trasformare pene corporali in pene pecuniarie. A suo dire, ai poteri giurisdizionali, si aggiungevano quelli specificatamente economici, parte cospicua dei quali derivava dallo stesso esercizio dei diritti giurisdizionali con Bagliva, Portolania, Mastrodattia, Adoa, Catapania. Redditi a cui si aggiungevano quelli ricavati dallo sfruttamento diretto delle terre feudali, dalla percezione di terraggi, erbaggi, canoni per le concessioni enfiteutiche. V’era poi una terza componente della rendita feudale, derivante dall’affitto dei fabbricati e della gestione diretta o dalla concessione in affitto di impianti di prima trasformazione di prodotti agricoli (mulini, gualcherie, trappeti) la cui attività spettava in privativa al barone. Di queste tre fonti di entrata, conclude Pescosolido, la più importante rimase sempre e quasi ovunque quella derivante dalla gestione diretta o indiretta delle terre. Altra descrizione, per esempio di come funzionava il Ducato di Sora, ai confini con la Terra di Lavoro, viene da Angelo Nicosia, secondo il quale, a capo dell’amministrazione del piccolo feudo, come rappresentante del Duca, doveva esservi un Capitano – probabilmente di provenienza esterna e forse a durata annuale – dipendente in via diretta dal Governatore generale ivi residente; di sicuro vi era un Luogotenente, come rappresentante e sostituto del Capitano in caso di assenza. Nicosia sostiene che il Capitano ed il Luogotenente si avvalevano del lavoro di un Mastrodatti, che praticamente fungeva da segretario scrivano per tutti gli atti pubblici ed era scelto tra i notai del paese, che forse si avvicendavano nell’incarico annualmente. L’opera di questi Ufficiali doveva svolgersi nel rispetto di uno Statuto accordato dal feudatario ai cittadini ed era sottoposta a sindacato, ovvero al giudizio dei rappresentanti civici locali. Formule e patti riunuiti spesso in una sorta di Magna carta feudale. Una Corte baronale si poteva permettere di liberalizzare la vendita del vino e lo sport della caccia (tranne che in territorio baronale), dichiarare gratis l’alloggio per i forestieri, abolire il carcere preventivo per le pene soggette al risarcimento economico, oppure impegnarsi a costruire trappeti.33 In alcuni paesi del Principato Ultra l’organizzazione feudale era una struttura creata dal barone della quale facevano parte un Governatore facente funzione del feudatario per l’esercizio della giurisdizione delle cause, un Consultore ordinario della Corte, il Coadiuvatore e Consultore fiscale o Agente generale, l’Erario loco feudi, gli Esattori, l’Armiggero, il Guardiano della Terra e il Guardiano del palazzo, il Custode.34
Diverso il discorso per la Camera riservata. Era infatti la Sommaria che decretava ad una Università tale privilegio quando mancava il consenso del Barone, come accaduto per Cassano, nell’Alta Valle del Calore,35 fermo restando le rendite feudali.36 La Camera baronale riservata non era più di un solo feudatario, ma era la Camera riservata ai Magnifici omnibus, cioè a pochi uomini ricchi che si erano distinti fra i cittadini, in genere amministratori comunali che finivano con l’arricchirsi, diventando possidenti e facendo prendere forma ad un nuovo ceto sociale privato.37 E i naturali di una Terra, per avere qualche privilegio, erano costretti a pagare tasse specifiche in base al reddito-raccolto che incameravano o alla casa che possedevano, facendo sentire spesso la propria voce.38 A Carovigno, nel brindisino, i terrazzani chiedevano sempre nuovi privilegi, dalla nascita dei primi negozi ai divertimenti (sebbene a pagamento), in quanto, in quel 1580, erano considerati giochi leciti quelli di cocole, casu, palle, maglio et etiam de carte da 1 duc. a bascio il giorno. Nella Capitolazione redatta dagli amministratori comunali, l’Università, precisa quanto sia necessario l’alloggiare ed albergare amici forestieri. Ma il fine non era l’ospitalità intesa come tale, quanto il lucrare su di essa, in modo che ognuno liberamente possa alloggiare forestieri, dargli da mangiare, bere, e dormire.39 A Cervinara, in Valle Caudina, già erano nate le prime apoteche per vendersi caso, oglio et vino et altra roba comestibile circolava moneta più frequentemente.40 La merce (grano romano, grano mostrata, grano mesia, meschiglia, mazurca, orzo, fave, grano d’India) aveva dei prezzi fissi per ogni tomolo da pagarsi con la moneta corrente, ovvero in carlini, ducati e grana, direttamente al feudatario che ne possedeva a tomoli nei suoi magazzini.41 Corpi feudali primari sono Mastrodattia, Zecca e Portolania, oltre i balzelli minori su taverna e cazzatora, per la monta degli animali, del molino, del magazzino, della postura da mettere l’olio (in genere applicata alle masserie), del fiume, della difesa colla fida di animali, della macchia per giuoco de’ tordi, della fida e vendita di legna, del monte di formaggio.42 Tasse che certo non piacevano alle popolazioni e che, già nel 1600, avevano portato la stessa Napoli alla rivolta di Masaniello che ebbe ripercussioni fino in Calabria. Nell’anno mille seicento quarantasei per cagione di alcune gabelle imposte sopra le goflie, e simili generi di cose la plebe di Napoli sotto la guida di un pescivendolo chiamato Masaniello si ribellò, ed il male si comunicò nelle Provincie, ed ancora in Grimaldo seguendo lo esempio di Cosenza.43
La Terra di Lavoro fu aizzata da Papone. Scrive il Riccardo che toccò ad Ugo Boncompagni di Roccasecca, cognato del Duca di Bagnara, fronteggiare ai confini con il Lazio, nel 1647, quella grave insidia conosciuta come sollevazione paponiana. Una rivolta che per parecchi mesi gettò lo scompiglio nel territorio del Lazio meridionale e del casertano. L’avventura di Domenico Colessa, soprannominato Papone, nato a Caprile nel 1607, pastore di capre, poi birro ed infine scorridore di campagna, iniziò il 7 luglio del 1647, quando in seguito alla rivolta di Masaniello, vennero liberati a Napoli tutti i detenuti: fra coloro che giovarono di questo provvedimento vi fu anche Papone, il quale, già da qualche tempo, si trovava rinchiuso nelle carceri di S. Maria di Agnone.Tornato in libertà e radunata una turba di 2000 fuoriusciti, iniziò a tormentare i feudi sul confine della Terra di Lavoro con il basso Lazio.
Il De Santis narra che Papone il 28 novembre 1647 entrò di bel mezzodì in Sora, liberò indifferentemente tutti i prigioni, tagliò a pezzi quelli che gli si opponevano armati, e tra di essi due creati del padrone di detto luogo; e fè gridar Viva il popolo e il Duca di Guisa. Appresa la notizia dell’occupazione di Sora il Duca Boncompagni, che si trovava a Napoli, accorse prontamente a capo di un esercito, per tentare di ristabilire la normalità della situazione. Però, intercettata la turba paponiana nei pressi del Garigliano per trovarsi con forze minori non stimò assalirlo. La vicenda si risolverà soltanto nell’agosto del 1648 quando, catturato a Rieti, Papone fu condotto a Napoli, sottoposto a processo e condannato a morte mediante arrotamento e squartamento. La sentenza fu eseguita nella piazza del Mercato il 26 di agosto alla presenza di una folla ragguardevole e silenziosa. Il cadavere di Papone rimase esposto al pubblico per due giorni interi; successivamente il corpo fu deposto e sottoposto alla operazione dello squarto. E così il capo fu condotto nella città di Sora, luogo delle sue prime scorribande, mentre le restanti membra furono appese a Caprile e nei paesi vicini e lì restarono per parecchio tempo a testimoniare, con la loro lugubre e macabra presenza, quale fosse la sorte riservata a tutti coloro che, come Papone, cullando sogni ambiziosi, si arrogano il diritto di comandare popoli e di sottomettere terre, sostituendosi alla legittima autorità ed incuranti della sua inevitabile reazione e repressione.44 Fra tasse, rivolte e peste la situazione era davvero critica. Ma non si era ancora spenta l’eco degli sconvolgimenti paponiani, scrive Riccardi, che, nel luglio del 1654, una violenta scossa di terremoto portò con sé la tragica scia di morte e di distruzione. Pochi anni dopo, fra il 1656 e il 1657, fu la volta della virulenta epidemia di peste i cui esiti furono disastrosi sulle popolazioni del luogo e dell’Italia centro-meridionale in genere: basti pensare che nell’intero Regno di Napoli morirono più di 1/5 degli abitanti e nella città di Napoli la metà dei cittadini, al punto che, come riferisce lo Scandone, nel 1660, piccole Università ottennero il regio assenso per una nuova gabella su pesi e misure perché la maggior parte dei cittadini se n’erano andati via.45
Quando il Principato di Caserta (mantenuto da Don Michelangelo Gaetani fino al 1750), veniva venduto direttamente a Re Carlo III di Borbone, S.Maria era già un feudo dello stato centrale, cioè Terra Regia divenuta autonoma dopo il distacco da Capua. Un ex suffeudo che restò in qualche modo legato alla Chiesa, ma con una autonomia comunale propria, possedendo il titolo di Università [abbreviato in Un.ità], in quanto amministrata da deputati al Consiglio, sebbene appartenenti solo alla classe più alta, come il Deputato all’Unità di Santa Maria, magnifico Francesco Santoro. In questo periodo i feudi perdono corpo e si assiste all’affermarsi delle Università con la crescita della popolazione in tre ceti: civile, ecclesiastico e plebeo, grazie alla ventata di rinnovamento che permetteva a tutti i ricchi di entrare nell’amministrazione della Cosa pubblica, lasciando che nascessero spontaneamente il ceto alto, mediano e ceto basso.46
Le Università del Regno riunivano il pubblico Parlamento una volta all’anno, per eleggere i cittadini modello tra viventi del proprio, massari, commercianti o artigiani proposti dallo stesso Consiglio uscente per l’amministrazione annuale dei beni comuni della Terra. Il Parlamento (=assemblea dei cittadini), che utilizzava il metodo per voce e con alzata di mano, eleggeva gli eletti (=consiglieri) per votare i decurioni (=assessori) che sceglievano il sindaco. Il primo cittadino, alla presenza del soprintendente, insieme ai due eletti, formava il Decurionato e riuniva il Consiglio. Sindaco e decurioni gestivano la Cosa pubblica coadiuvati da un cancelliere del Regno (=segretario comunale), che li aiutava e li controllava nell’amministrare le rendite. L’Università per l’amministrazione dei beni posseduti, per continuare ad essere un Comune, con capacità propria di sottrarsi al resto delle sanzioni del Regno, doveva versare una quota annuale nelle casse del Regio Fisco. Soldi che doveva recuperare facendo pagare le tasse a uomini e cittadini che utilizzavano i servizi pubblici. Ciò era possibile grazie agli istrumenti di concessione di benefici, per assenso del feudatario, o del Sovrano, se il feudo restava senza eredi e la Terra veniva incamerata nel Dominio Regio e i proventi incassati dal Regio Fisco di Napoli.
Nel caso di Santa Maria ci ritroviamo in presenza di uno dei feudi dell’ex Stato feudale di Capua, cioè nel Casale di Santa Maria Maggiore, di proprietà del Regno che l’ha reso autonomo. Una posizione di privilegio rispetto ai feudi privati in cui i feudatari si preoccupavano di lucrare più sulla compravendita delle Terre che sul commercio dei beni prodotti. Gli stati feudali sono infatti composti da più feudi che potevano anche alienarsi, come ricorda il Riccardi nel caso di Aquino e Arpino, fra Terra di Lavoro e Stato della Chiesa, venduti dal Marchese al Duca di Sora per 243.000 ducati; ma bisognerà attendere la fine del secolo per vedere costruita la nuova Via Consolare. Il Piano Pistilli prevedeva la realizzazione di una strada che congiungesse Sora a Ceprano (e quindi la Terra di Lavoro allo Stato Pontificio) a coronamento della cosiddetta Consolare che andava costruendosi per favorire i collegamenti fra Napoli e le zone limitrofe del Regno

Dettagli

EAN

9788872970492

ISBN

8872970490

Pagine

112

Autore

Bascetta,

Del Bufalo

Editore

ABE Napoli

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Only logged in customers who have purchased this product may leave a review.