Biografia

Foto Autore

Paolucci

Dott. Fabio Paolucci

FABIO PAOLUCCI (Salerno, 1982) - Appartenente ad antica famiglia di Colle Sannita, è ricercatore storico, archivista, saggista e giornalista pubblicista. Laureato con lode in ‘Beni Culturali’ e in ‘Gestione e conservazione del patrimonio archivistico e librario’, si è specializzato in ‘Archivistica, Paleografia e Diplomatica’ presso la Scuola dell’Archivio di Stato di Napoli e collabora come storico con l’Archivio del Capitolo di San Pietro in Vaticano.
Tra le sue pubblicazioni: La famiglia Di Popolo da Calabritto. Storia, genealogia e documenti di un’antica famiglia contadina irpina (Boopen, 2010), Le famiglie campane. Tra storia, genealogie e personaggi illustri (Kairós, 2012), Francesco Flora. Le radici, l’uomo, la storia (Fausto Fiorentino Editrice, 2012) e quattro volumi per il Capitolo di San Pietro in Vaticano sulle epigrafi pagane e cristiane dell’area vaticana (ECV – Edizioni del Capitolo Vaticano, 2013-2015). Ha già pubblicato, per la presente collana Catasti Onciari del Regno di Napoli, i volumi Colle Sannita nel 1742, Praiano nel 1752, Reino nel 1753, Nereto nel 1748, Cetara di Cava nel 1754, Calabrtto nel 1755 (ABE 2017), Bonito nel 1753, San Cipriano nel 1756 (ABE 2019), Castelpagano nel 1743 (ABE 2019), Foiano nel 1742 (2019) e Ravello nel 1755 (2020). Ha pubblicato studi storici per riviste scientifiche e poesie in italiano e latino per il testo Archetipi poetici. Antologia di poeti contemporanei (ilmiolibroit 2018). Nel 2019 ha ricevuto il riconoscimento di “Eccellenza Campana” nel corso dell’evento PalinuroMed, “per la produzione culturale e la promozione del territorio campano nel mondo” e al Circolo della Stampa di Avellino il “Premio penna d’argento - Regione Campania 2019”, con l’encomio seguente: “Nei suoi lavori la mano sicura del ricercatore di razza” e l'attestato di riconoscimento come primo premio “per l’impegno nella ricerca storiografica negli Archivi di Stato italiani e per la riscoperta della storia locale attraverso i catasti onciari”.